Il coronavirus raccontato dai Cronisti Toscani – Storie e opinioni dalla quarantena

Abbiamo raccolto le voci di chi ha fatto la storia dei nostri premi giornalistici e ci siamo fatti raccontare la quarantena.

Con il patrocinio del Comune di Vinci


L’ossigeno dell’informazione

Mauro Banchini, presidente della commissione dei premi ‘Li omini boni’ e ‘L. Berni’, presenta la serie ‘Il coronavirus raccontato dai Cronisti Toscani’.

La Cronaca come flusso costante della storia

Nicola Baronti, presidente di Vinci nel Cuore, presenta la serie ‘Il coronavirus raccontato dai Cronisti Toscani’.


«Senza lavoro a causa del virus Ora faccio la coda tra i poveri»

«È la prima volta che vengo alla Caritas, è frustrante, è umiliante, non avrei pensato di ridurmi così». Jacopo Storni racconta il coronavirus.

Il distanziamento dalla notizia

Noi cronisti abbiamo il dovere di ricostruire cos’è successo nelle RSA, a persone che per le loro condizioni di fragilità dovevano essere protette.

50 metri

Per 50 metri, in un umido giorno di aprile, non è esistito niente. Un momento sospeso, la fatica di non capire più qual è la realtà.

Il giornalismo ritrovato e migliore

Una cosa, questo difficile periodo ce l’ha insegnata: la gente ha voglia di informazione di qualità, di leggere cose di cui sa di potersi fidare.

Un giornalismo “altro” è possibile

Scovare, intercettare, raccogliere materiale, accumulare fonti stando sempre dietro a uno schermo e seduti a una scrivania è compito tutt’altro che semplice.

Il pandemonio durante la pandemia

È evidente che la pandemia è uno spartiacque fra un “prima” e un “dopo”. Siamo cambiati noi, il modo di lavorare, il modo di vivere le città e le relazioni.

Incroci di anime

Sara Bessi narra la “sua” quarantena attraverso tre racconti, uno per ogni mese toccato duramente dall’emergenza coronavirus.

Pensieri sulla pandemia

Rimane il pensiero che all’improvviso la nostra vita può essere sconvolta da qualcosa di inimmaginabile e che bisogna apprezzare anche le cose più semplici.

“Restiamo a casa”, inno distopico della quarantena

Due mesi storici, senza dubbio, e il perché è nata l’idea di fare un quaderno per farsi raccontare la quarantena dai Cronisti Toscani.

I Cronisti hanno raccontato il coronavirus. La serata del 14° quaderno a Vinci

Dopo avere scritto, i Cronisti hanno parlato a Vinci. Cronaca senza filtro di quanto hanno condiviso durante la serata con chi ha voluto essere presente.

Condividi