fbpx
La Festa della Poesia ritorna in piazza. Due date per l’edizione 2021

La Festa della Poesia ritorna in piazza. Due date per l’edizione 2021

Il 19 giugno la serata dedicata a Giancarlo Guerri; il 16 luglio la Veglia dei Poeti.

La Festa della Poesia si svolge per il secondo anno consecutivo nei mesi estivi.
Si recupera la serata saltata lo scorso anno dei Dialoghi con la Poesia dedicata al poeta Giancarlo Guerri, scomparso nel 2019, sabato 19 giugno 2021 alle 18 in Piazza Guido Masi, con l’attore Andrea Giuntini, la violinista Francesca Bianconi, il coordinamento di Maria Virginia Porta e l’Associazione Astro di Empoli, ospite speciale dell’occasione.

La serata clou, la Veglia dei Poeti di Vinci, quella che molti appassionati e poeti del territorio aspettano, è fissata per venerdì 16 luglio 2021 alle 21 in Piazza dei Guidi, come lo scorso anno.
Il tema della Veglia è d’ispirazione dantesca, seppure in un’accezione vinciana: “Libertà vo cercando. Il Rinascimento delli omini boni”.
Come poi accade le licenze poetiche sono sempre ammesse e l’argomento è declinato dai partecipanti in vario modo. Come del resto ben accette sono le poesie dedicate alla gente di Vinci e del Montalbano, considerato il sottotitolo dell’evento: “Piccole storie di vita quotidiana in versi e musica”.
Gli organizzatori (l’associazione Vinci nel Cuore in collaborazione con l’associazione Culturale Orizzonti, con il partenariato della Pro Loco Vinci e del Club per l’Unesco di Vinci) invitano a partecipare tutti coloro che lo desiderano – poeti e cantautori – e a mandare le loro proposte (massimo tre liriche o testi) sui temi suddetti entro e non oltre il prossimo 21 giugno 2021 all’indirizzo email vincinelcuore@liominiboni.it.
Tutti i generi sono ammessi.

Non è richiesta alcuna quota, né contributo di partecipazione.
Le liriche possono essere edite o inedite, in ogni caso si richiede di allegare l’autorizzazione per iscritto alla loro pubblicazione, previa verifica della coerenza al tema della serata, sull’antologia dell’edizione che verrà distribuita nell’occasione.
A tutti si richiede di indicare nel messaggio di accompagnamento le proprie generalità, l’indirizzo di residenza, il recapito telefonico e l’indirizzo email; per chi partecipa per la prima volta, è obbligatorio dichiarare il proprio legame (di qualsiasi genere familiare, affettivo, lavorativo) con il territorio e la città di Vinci. L’organizzazione si riserva di editare esclusivamente le poesie di chi sarà presente alla serata del 16 luglio, salvo naturalmente giustificato impedimento.
Con le poesie ricevute verrà realizzato uno spettacolo in poesia, dove si racconterà la voglia di libertà, la storia dell’anno passato attraverso le emozioni, le suggestioni, le musiche dei poeti e cantautori presenti. Per i “colori della serata” ci penserà invece l’autore della copertina/manifesto di questa edizione in corso di selezione.
Vinci nel Cuore attende con rinnovata fiducia il contributo di poeti, cantautori e appassionati per la Festa della Poesia e la serata d’onore nella suggestiva cornice della piazza vinciana.

La Festa della Poesia ritorna in piazza. Due date per l'edizione 2021
“Da Vinci e Bonaparte”, buona la prima. Appuntamento al 2022

“Da Vinci e Bonaparte”, buona la prima. Appuntamento al 2022

Foto: a sinistra Alexander Di Bartolo, consigliere dell’Accademia degli Euteleti; a destra Saverio Mecca, presidente dell’Accademia degli Euteleti

Centinaia di visualizzazioni sui social per le quattro serate on line dedicate a Leonardo e Napoleone. Subito al lavoro per la 2ª edizione.

Si è concluso con grande successo e la piena soddisfazione degli organizzatori “Da Vinci e Bonaparte. Le origini toscane del pensiero europeo”, il festival italo-francese portato avanti dal Club per l’UNESCO di Vinci e dalle associazioni Vinci nel Cuore e Suonamidite.
Il festival è stato trasmesso da domenica 2 a mercoledì 5 maggio sui canali social dei tre enti promotori e ha ricevuto centinaia di visualizzazioni e apprezzamenti dagli spettatori che l’hanno seguito on line.

«Un’iniziativa che ha suscitato curisosità e interesse – afferma Paolo Sani, presidente del Club per l’UNESCO – grazie anche alla collaborazione fra più enti e associazioni che hanno realizzato un prodotto di eccellente qualità culturale».
Sani sottolinea anche «la collaborazione fra due territori contigui, nel nome della cultura, anche se appartenenti realtà amministrative diverse, a dimostrazione che gli steccati amministrativo-politici si possono superare in una fattiva collaborazione».
La manifestazione ha visto il coinvolgimento di personalità culturali e artistiche quali Franco Cardini, Sabine Frommel, Sara Taglialagamba, Davide Bardi, nonché la partecipazione dell’Accademia degli Euteleti, dal quale ieri sera è stato trasmesso l’ultimo atto di questo festival, con Saverio Mecca, Alessandro Vezzosi e Alessandro Guadagni.

Un calendario quindi ricco non solo di eventi, ma anche di qualità che merita di essere riproposto per quella che più che probabilmente sarà la seconda edizione di “Da Vinci e Bonaparte”, nella speranza di non limitarsi solo all’on line.

Il festival è stato realizzato con il patrocinio dei comuni di Vinci e di San Miniato, il contributo di Fondazione San Miniato Promozione e dell’Accademia degli Euteleti e il sostegno della Fondazione Cassa di Risparmio di San Miniato.
Il supporto tecnico, grazie al quale è stato possibile il montaggio dei filmati, è di Daniele Papini e Luca Melani.

Riguarda i video del festival
Leonardo: l’occhio tra la nebbia e il sole
Franco Cardini, saggista medievista, che parlerà di “Notre Dame. Il cuore di luce dell’Europa”
Leonardo in terra di Francia
Napoleone e Leonardo: due personaggi a confronto con le loro origini toscane

“Da Vinci e Bonaparte”, continua il festival italo-francese

“Da Vinci e Bonaparte”, continua il festival italo-francese

Già due gli eventi trasmessi dall’associazione Suonamidite e Vinci nel Cuore. Stasera e domani altri due interventi on line.

Foto: Cristina Remi

Sta proseguendo regolarmente “Da Vinci e Bonaparte. Le origini toscane del pensiero europeo”, un festival italo-francese, on line da domenica 2 a mercoledì 5 maggio e che vede il Club per l’Unesco di Vinci, Vinci nel Cuore e Suonamidite – le tre associazioni promotrici – impegnate nell’organizzazione degli eventi.
Già due di questi sono stati trasmessi sulle pagine Facebook di Vinci nel Cuore e Suonamidite: prima con “Leonardo: l’occhio tra la nebbia e il sole”, un racconto appassionato della vita di Leonardo di e con Davide Bardi, attore, e Mario Costanzi, musicista e responsabile dell’associazione Suonamidite. «Una scommessa per internazionalizzare una serie di eventi legati a Leonardo e per fare in modo che questi luoghi si aprissero a una realtà, quella europea, a cui Leonardo appartiene. Europa significa riscatto dell’animo umano fra scienza e arte. Il riflettere sulla consapevolezza delle origini europee – prosegue Costanzi ha mosso il Club per l’Unesco di Vinci, noi di Suonamidite e Vinci nel Cuore a fare questo festival. Un tentativo di rendere Leonardo non solo patrimonio locale, me per porlo in un contesto di qualcosa di più grande quale è l’Europa: da qui nasce l’ispirazione per celebrarlo in questo modo particolare».

Quindi, la seconda serata on line è stata dedicata a Notre Dame e al racconto che Franco Cardini ne ha fatto nel suo libro edito da Solferino (“Notre Dame. Il cuore di luce d’Europa”), in un’intervista a cura di Vinci nel Cuore.
«Siamo molto contenti per l’interesse che ha suscitato questa nuova manifestazione che ci permette di recuperare un anniversario legato alla morte di Leonardo, finora sentito più francese che italiano, ricollegandolo a quello altrettanto famoso del 5 maggio napoleonico. È una prima edizione, quindi con tutti gli eccessi, talvolta ingenui, dettati dall’entusiasmo e da qualche difetto nell’organizzazione. Siamo certi però – dice Nicola Baronti, presidente di Vinci nel Cuore – che costituisca un’esperienza importante, il progetto su cui costruire nuove edizioni del festival, anche attraverso l’interazione con altre città del nostro territorio, in primis San Miniato. Si spera di recuperare nel futuro la partecipazione in presenza, nella consapevolezza tuttavia che le forme e i collegamenti on line rimarranno fondamentali per garantire la reciprocità nella comunicazione e nella realizzazione degli eventi italiani e francesi. Un ringraziamento agli organi di stampa che ci seguono e sostengono e ai numerosi spettatori, scusatemi, internauti, che stanno visualizzando i nostri eventi».

il festival continua stasera, martedì 4 maggio, con Sara Taglialagamba e Sabine Frommel che parleranno di “Leonardo in terra di Francia” e finisce domani, 5 maggio, con “Napoleone e Leonardo: due personaggi a confronto con le loro origini toscane” trasmesso dall’Accademia degli Euteleti di San Miniato, per la rievocazione del legame tra due dei maggiori personaggi e interpreti della storia europea.

Il festival è realizzato con il patrocinio dei comuni di Vinci e di San Miniato, il contributo di Fondazione San Miniato Promozione e dell’Accademia degli Euteleti e il sostegno della Fondazione Cassa di Risparmio di San Miniato.

"Da Vinci e Bonaparte", on line il festival italo-francese
“Da Vinci e Bonaparte”, on line il festival italo-francese

“Da Vinci e Bonaparte”, on line il festival italo-francese

Quattro incontri per celebrare due dei personaggi più influenti della storia europea tramite un omaggio alla Francia direttamente da Vinci e San Miniato

“Da Vinci e Bonaparte. Le origini toscane del pensiero europeo” è il nome del festival che partirà domenica 2 maggio e andrà avanti, tutte le sere on line, fino al 5 maggio.
In occasione dell’anniversario della morte del Genio (2 maggio – quest’anno è il 502°) e dei 200 anni dalla scomparsa del generale francese (5 maggio 1821), il Club per l’UNESCO di Vinci, l’associazione Vinci nel Cuore e l’associazione Suonamidite Onlus hanno organizzato questo festival italo-francese che si pone come obiettivo quello di omaggiare due dei personaggi maggiormente influenti della storia del nostro continente, accomunati dalle origini toscane delle rispettive famiglie e dal loro amore per la Gioconda.

Il programma – tutto on line sui profili Facebook delle associazioni promotrici, ogni sera alle 21 – vedrà una serie di iniziative e di eventi che esplorano vari settori della cultura, delle scienze e della musica.
Si comincia domenica 2 maggio: Suonamidite curerà un racconto appassionato e coinvolgente della vita di Leonardo, ispirato a testi storici come l’atto di battesimo e le “Vite” di Giorgio Vasari, attraverso narrazione e musica a cura di e con Davide Bardi, attore, e Mario Costanzi, musicista. “Leonardo: l’occhio tra la nebbia e il sole” – questo il titolo – sarà in parte tradotto in francese.
Lunedì 3 maggio sarà ospite del festival Franco Cardini, saggista medievista, che parlerà di “Notre Dame. Il cuore di luce dell’Europa”, edito da Solferino (2020), in una intervista a cura di Vinci nel Cuore.
Martedì 4 maggio, Sara Taglialagamba, direttrice della Nuova Fondazione ‘Rossana e Carlo Pedretti’ converserà di “Leonardo in terra di Francia” con Sabine Frommel, direttrice dell’Études d’Histoire de la Reinassance e dell’Équipe Histara all’École Pratique des Hautes Études alla Sorbona di Parigi.
Chiude il festival “Napoleone e Leonardo: due personaggi a confronto con le loro origini toscane”, mercoledì 5 maggio, a duecento anni dalla morte di Napoleone, trasmesso dall’Accademia degli Euteleti di San Miniato, per la rievocazione del legame tra due dei maggiori personaggi e interpreti della storia europea. Nell’occasione saranno presenti il presidente dell’Accademia, Saverio Mecca, il critico d’arte e leonardista Alessandro Vezzosi, il coordinatore per l’Italia dell’Associazione Souvenir Napoléonien, Alessandro Guadagni.

Questo è il programma ufficiale, ma sono preannunciati eventi straordinari durante i quattro giorni speciali che dividono i due anniversari, leonardiano e napoleonico.
Il nuovo festival intende promuovere e valorizzare i rapporti tra due nazioni, due popoli e le città italiane e francesi legate proprio al ricordo dei due illustri personaggi.
Il festival è realizzato con il patrocinio dei comuni di Vinci e di San Miniato, il contributo di Fondazione San Miniato Promozione e dell’Accademia degli Euteleti e il sostegno della Fondazione Cassa di Risparmio di San Miniato.

"Da Vinci e Bonaparte", on line il festival italo-francese
Festa della Poesia 2021, ci sono già le date estive della nona edizione

Festa della Poesia 2021, ci sono già le date estive della nona edizione

Veglia dei Poeti il 16 luglio in piazza; ci sono anche serate dedicate a Vinci e a Renato Fucini.

L’edizione 2021 della Festa della Poesia replica la stessa sorte di quella del 2020. A causa della pandemia da coronavirus tutto è infatti rinviato all’estate, proprio come accaduto per gli eventi dell’anno scorso.
Tre sono le date che finora sono state programmate e che verranno perfezionate nel corso dei mesi: una venerdì 11 giugno, con la riscoperta di un antico luogo letterario vinciano e un incontro dedicato a un grande amico della Veglia e nostro concittadino; un’altra è venerdì 9 luglio in Piazza dei Guidi, quando verranno riproposte, anzi integrate con belle sorprese, le raccolte di testi inediti dedicati alla famiglia Fucini già presentate da Nicola Baronti e Francesco Bellucci in altre precedenti manifestazioni di Vinci nel Cuore; infine, venerdì 16 luglio è la serata dedicata alla Veglia dei Poeti (in accordo con il Comune di Vinci, che ne concede il patrocinio). Per tempo verranno comunicati anche il tema della serata (a prova di… bomba, quest’anno) e le modalità di partecipazione.

Altre serate sono in fase di programmazione e non appena terminata la progettazione verranno comunicati argomenti e date: una novità per il nostro territorio, nella speranza che la festa di Vinci contagi anche i comuni a noi vicini.
A proposito di Fucini, ricordiamo che è in corso anche il Festival Fuciniano, grazie al quale Vinci sta diventando una piccola capitale della poesia, con tante serate dedicate all’opera e alla poesia di Renato Fucini, nel centenario della morte.

Epifania, Etruria Musica ha scelto Vinci per il suo concerto

Epifania, Etruria Musica ha scelto Vinci per il suo concerto

L’esibizione della Tuscan Chamber Orchestra sarà trasmessa on line su liominiboni.it. L’evento è dedicato alle vittime del coronavirus.

Vinci nel Cuore è partner dell’associazione Etruria Musica per il concerto dell’Epifania 2021 della Tuscan Chamber Orchestra, la principale formazione cameristica dell’associazione pratese, che ha scelto di esibirsi al Teatro di Vinci (o della Misericordia) grazie al patrocinio del Comune di Vinci e all’ausilio della Pro Loco Vinci.
“La Befana vien di… note” è il titolo assai esplicativo dell’evento.
Il concerto verrà trasmesso in video mercoledì 6 gennaio 2021 alle 18 su liominiboni.it. Il gruppo musicale, composto da otto elementi fra archi, un flauto e un’arpa, è diretto dal maestro Antonio Aiello che ha proposto un originale programma dedicato alla “contaminazione” musicale, riuscendo a mischiare generi diversi con arrangiamenti appositamente scritti per questa particolare formazione. Ospite della serata è il soprano Anna Aurigi.

Ne è venuto fuori un concerto nel quale vengono riproposte pietre miliari della storia del rock (dagli AC/DC ai Queen e i Wham), così come alcune colonne sonore di classici del cinema (“Pulp Fiction”, “C’era una volta il West”, “Frozen”), opere contemporanee che tuttavia richiamano a composizioni classiche.
Com’è stato evidenziato nella presentazione dell’evento, «ascoltare questo concerto sarà come cercare tra i “chicchi” della calza della Befana, dove si trovano dolciumi di tutti i tipi, apparentemente diversi tra loro, ma che sono ottimi assaporati insieme».
I nove brani del concerto sono introdotti da persone di un pubblico virtuale, speciale, nell’occasione nove personaggi vinciani o legati a Vinci, tra cui anche il sindaco, Giuseppe Torchia, ideali spettatori di quel teatro vuoto, chiuso per le restrizioni dovute al contrasto dell’epidemia da coronavirus. Proprio perché il mondo della cultura e della musica sono in crisi per la chiusura delle sale è senza dubbio bello riuscire a fare musica pensando a quella “platea virtuale”, la quale da casa potrà condividere le emozioni che soltanto la musica può dare e magari diventarne protagonista.

Su espressa indicazione dell’associazione Etruria Musica il concerto viene dedicato alla memoria delle vittime del Covid di Vinci.
Con questa nuova iniziativa, l’Associazione Vinci nel Cuore inaugura il suo decimo anno di attività.
Il video è stato ripreso e montato da Ivano Biscardi.

Manifesto concerto Epifania