fbpx
La Biblioteca Sonora torna con il dottor Lugi Busoni

La Biblioteca Sonora torna con il dottor Lugi Busoni

Un nuovo episodio della Biblioteca Sonora con un racconto del “dottore”, letto dalla solita piacevole voce di Andrea Giuntini.

Un nuovo episodio della Biblioteca Sonora con un racconto del “dottore”, letto dalla solita piacevole voce di Andrea Giuntini.

La Biblioteca Sonora di Vinci nel Cuore ritorna e ricorda un grande personaggio di Vinci, il dottor Luigi Busoni, semplicemente il «dottore» per molte generazioni di vinciani.
Nato nel 1907 a Spicchio, laureatosi in medicina all’Università di Siena, con tirocinio all’ospedale di Empoli, ha inizialmente esercitato la libera professione a Vitolini dove ha conosciuto la futura moglie, la signora Maria.
Dal 1939 ha svolto le mansioni in libera professione, poi come medico condotto a Vinci capoluogo.
Per molti anni è stato componente del Rotary Club di Empoli e, nei vari ruoli assunti, ha curato il gemellaggio con i rotariani della città di Amboise, nel segno di Leonardo, un gemellaggio mantenuto nel tempo e ancora in vigore.

Esperto di storia fiorentina, qualcuno aveva pensato anche di proporlo come candidato alla nota trasmissione di Mike Bongiorno degli anni Cinquanta, “Lascia o raddoppia?” In quel periodo infatti si era distinto anche per la partecipazione a una nota trasmissione radiofonica condotta da Silvio Gigli con un suo racconto breve, risultato vincitore di un concorso bandito per l’occasione. Il premio era rappresentato da un orologio d’oro, quello maggiore però fu di farlo conoscere e apprezzare da un numero maggiore di appassionati.
Il “dottore” ci ha lasciati 25 anni fa, ma è ancora molto presente nel ricordo dei vinciani.

Il suo racconto, vincitore del concorso di Silvio Gigli, “La barba di Zoccolino” è stato ripresentato qualche anno fa in una serata di Vinci nel Cuore e ora viene depositato nella Biblioteca Sonora nell’interpretazione dell’attore, Andrea Giuntini.

Un ringraziamento al figlio Marco per queste brevi note biografiche e la gentile concessione.

Condividi