Quando Leonardo Berni incontrò Gigi Proietti a Vinci

Gigi Proietti

Un piccolissimo omaggio del Vinciarese a Gigi Proietti, beccato nel 2002 da Leonardo Berni, che lo intervistò al Nicchio.

tempo di lettura: 2 minuti

Lo scorso 2 novembre ci ha lasciati Gigi Proietti, attore poliedrico che ha fatto sorridere e riflettere generazioni di italiani.
Anche i vinciani custodiscono un particolare ricordo del mattatore, intervistato nel 2002 dall’intraprendente Leonardo Berni, corrispondente de La Nazione e suo grande estimatore, che lo avvicinò in un ristorante del centro.
Proietti, allora molto celebre per l’interpretazione in tv del Maresciallo Rocca e per lo spot pubblicitario del caffè Kimbo (“A me me piace!”), fu molto disponibile e rispose garbatamente con la simpatia e l’ironia che lo contraddistinguevano.
Per omaggiare questo eccezionale artista, Il Vinciarese trasforma il cartaceo in digitale, riproponendo l’articolo del Berni.

CELEBRITÀ
L’attore, proveniente da Montecatini, dove si trova per un periodo di riposo, ha visitato la città di Leonardo dove non aveva mai avuto occasione di recarsi
Gigi Proietti, il popolare maresciallo Rocca della tv, in visita a Vinci
Ha una faccia troppo conosciuta per passare inosservato e, anche se è venuto a Vinci per un pranzo veloce al ristorante “Il nicchio” e una visita altrettanto rapida in paese, il maresciallo Rocca, al secolo Gigi Proietti, è riuscito a catalizzare su di sé l’attenzione di tutti.
Il celebre attore si trova a Montecatini Terme in questi giorni per trascorrere una vacanza all’insegna del relax e del benessere e ieri ha approfittato della splendida giornata per visitare Vinci e i suoi dintorni.
La passeggiata di Gigi Proietti si è conclusa al ristorante in centro e, nel primo pomeriggio, l’interprete del maresciallo più amato e famoso d’Italia è ripartito alla volta della città delle terme. Proietti ha promesso che tornerà nella terra di Leonardo, anche perché non è riuscito a vedere né il Museo leonardiano, né quello ideale e nemmeno la casa natale del Genio.
Leonardo Berni


Il Vinciarese

Condividi