fbpx

Nel numero natalizio di Orizzonti, Mara Fadanelli che premia Federica Megalizzi, alla memoria di Antonio, e Alice Plata di RadUni agli Omini Boni 2019.

La copertina della rivista di collegamento di Orizzonti del mese di dicembre è dedicata agli Omini Boni e al premio per la Comunicazione 2019 promosso da Vinci nel Cuore, (all’interno troverete anche un breve editoriale di Mara Fadanelli, presidente di Orizzonti), in particolare al momento della consegna dell’Albero della Vita, simbolo della manifestazione di Vinci, a Federica Megalizzi, sorella di Antonio, e Alice Plata, segretaria di RadUni, che gestisce per l’Italia il progetto Europhonica (la radio universitaria europea).
Al di fuori di ogni polemica e strumentalizzazione, a nostro avviso, questa è l’immagine più bella e significativa in risposta alle campagne di odio ancora oggi striscianti in Europa, la risposta della Vita sulla Morte, per difendere e coltivare un sogno di pace e di fratellanza tra i giovani del mondo, un sogno caro ad Antonio Megalizzi e a tanti altri giovani italiani ed europei.
A Vinci, l’ “utopia” e il “sogno” sono stati ricordati prima ancora che i mass-media li riproponessero a un anno dai tragici fatti di Strasburgo 2018, in cui Antonio Megalizzi, appassionato d’Europa e di giornalismo, perse la vita.
Lo abbiamo fatto nel giorno di Sant’Andrea, nel giorno in cui la Toscana celebra e commemora la prima legge che abolisce la pena di morte.
Mai come questa volta è valido il nostro motto e augurio per i nostri giovani: “Vinci nel Cuore, sempre”.
Grazie all’Associazione Orizzonti, che patrocina la manifestazione, per avere voluto immortalare questo bel momento nella storia della gente di Vinci e che siamo certi sarà custodito con cura e attenzione dai lettori.
La rivista è in distribuzione tra i soci di Orizzonti e a breve sarà nelle biblioteche e nelle strutture ricettive, magari può essere l’occasione per associarsi anche a Orizzonti e avere a casa mensilmente la rivista, partecipare alle altre iniziative di Orizzonti che ormai opera stabilmente su quattro comuni del Montalbano.

Orizzonti, numero 123, dicembre 2019
Condividi