‘Li omini boni’, a Villa Reghini l’anteprima del premio 2019

Annunciate la presenza di David Sassoli e l’assegnazione del premio ‘Leonardo Berni’ per il Cronista Toscano a Stefano Brogioni, giornalista de La Nazione.

Una sala piccola e piena – di persone e di idee – ha ospitato lunedì 18 novembre, l’anteprima del premio giornalistico ‘Li omini boni’ per la comunicazione, nella quale sono stati presentati i temi e i personaggi che animeranno la serata del 30 novembre, data in cui verranno consegnati i premi giornalistici al Teatro della Misericordia di Vinci.
Ospiti di Vinci Nel Cuore sono stati Dario Parrini, senatore, e Domenico Guarino, scrittore e giornalista di Controradio, nonché consigliere dell’Ordine dei Giornalisti, di cui il premio ha il patrocinio, insieme a quelli di Assostampa Toscana, Comune di Vinci e Regione Toscana.
Rispondendo alle domande di Mauro Banchini, presidente della commissione che sceglie ‘Li omini boni’ e il Cronista Toscano, i due hanno presentato i protagonisti attraverso le proprie idee, sul giornalismo, sulla politica e sono stati protagonisti di un appello reciproco – il giornalista al politico e il politico al giornalista – affinché i due campi si incontrino per tutelare il lavoro del giornalista e per salvaguardarne la sua qualità.

La serata è stata anche l’occasione per alcuni annunci importanti che riguardano la manifestazione conclusiva nella notte di S. Andrea.

Il Cronista Toscano – È Stefano Brogioni, cronista della redazione fiorentina de La Nazione. 42nne, fiorentino di nascita, è laureato in scienze politiche e giornalista professionista dal 2007. Da sempre impegnato nella cronaca locale, prima di arrivare al quotidiano diretto da Agnese Pini è stato al Corriere di Firenze e poi nella free press E Polis. Da cronista di nera e giudiziaria, materia a cui si dedica da quasi 15 anni, ha avuto la fortuna di poter approfondire casi locali che hanno varcato i confini della Toscana, come l’inchiesta sulle violenze nella comunità del Forteto o quella ancora aperta sui delitti del mostro di Firenze.
Nell’estate 2016 è stato indagato e iscritto nel registro degli indagati della Procura di Pistoia per rivelazione di segreto di ufficio con ignoti e pubblicazione arbitraria di atti di procedimento penale. L’accusa è riferita alla pubblicazione della notizia sulle indagini a carico del sindaco Samuele Bertinelli (sindaco di Pistoia dal 2012 al 2017) e dei componenti della giunta comunale di Pistoia per l’assunzione di alcuni dirigenti.

David Sassoli – Come annunciato dal sindaco di Vinci, Giuseppe Torchia, il suo staff sta lavorando affinché il presidente del Parlamento Europeo, David Sassoli, possa essere presente alla cerimonia della premiazione. In quella giornata infatti, Sassoli sarà a Firenze per la Festa della Toscana, durante la seduta aperta del consiglio regionale di sabato 30 novembre.

Condividi