fbpx
La Biblioteca Sonora va a Firenze con la “Camera a due letti” di Stefano Vestrini

La Biblioteca Sonora va a Firenze con la “Camera a due letti” di Stefano Vestrini

Andiamo a Careggi, con la “Storia di Silvana”, il breve romanzo di un altro degli autori locali letti da Andrea Giuntini.

Stefano Vestrini è nato a Firenze nel 1962.
Ha pubblicato per F.M. edizioni il racconto “Fabio è nato” (2004) e “La cosa nuova”(2005).
Per Titivillus editore è uscito nel 2008 “Un chicco d’uva ” , e più recentemente “I Beatles e la malinconia ” e “L’inverno dei mirtilli “(Conchiglia di Santiago editore).
Il suo testo teatrale “Gli occhi di Charlie sono azzurri” è stato rappresentato al Festival di Volterra nel 2019.
Dal racconto Storia di Silvana (Ibiskos Risolo 2007) è tratto un audiolibro musicale con voce narrante di Silvia Bagnoli.

Biblioteca Sonora, “La pietà” di Katia Lari

Biblioteca Sonora, “La pietà” di Katia Lari

Nono episodio del podcast che ci porta in giro per il territorio alla (ri)scoperta dei nostri autori locali. Adesso tocca a Katia Lari.

Nata a Firenze, la casa dove vive è piena di letteratura; il nonno fa il libraio. Esploratrice di parole, comincia a leggere molto presto, scrive e illustra le sue storie. Studia arte, lavora come grafica, disegna fumetti. Con le sue tavole partecipa a due edizioni di Lucca Comix. In seguito restauratrice di affreschi a Firenze, Pistoia e ad Arezzo. Studia canto lirico, musica contemporanea con il compositore Marco Lenzi, musica antica e musica di tradizione orale.
Fonda il quartetto Artemisia e il duo Nuda voce. È attiva nel collettivo Superazione e promuove l’arte contemporanea e la performance.
Scrive costantemente: narrativa, teatro, testi per canzoni. Tuttora illustra storie per i piccoli. Il suo romanzo di esordio, “Un salto al buio”, è edito da CartaCanta.
Vive in collina a Vinci, a pochi passi dalla casa natale di Leonardo.

Biblioteca Sonora, Silvano Salvadori e “Il pian del Penna”

Biblioteca Sonora, Silvano Salvadori e “Il pian del Penna”

Andrea Giuntini legge “Il pian del Penna” di Silvano Salvadori, e andiamo oltr’Arno per un nuovo episodio della Biblioteca Sonora.

Laureato in architettura nel 1972 all’Università di Firenze, ha seguito la specializzazione in Storia dell’Arte all’Università di Bologna.
Dopo due anni di borsista per il CNR, ha insegnato per dieci anni Arte dei Metalli e dell’Oreficeria all’Istituto d’Arte di Pistoia e per venti al Liceo Virgilio di Empoli Storia dell’Arte fino al 2003, dove ha fondato l’indirizzo del Liceo Artistico. Contemporaneamente è stato docente all’Istituto Superiore Industrie Artistiche e poi per dodici anni dirigente scolastico. L’attività giovanile di pittore e scultore è continuata in una progettazione architettonica rivolta all’arredo urbano, chiese (“Spirito santo” di Serravalle in Empoli), parchi (Parco dei Mandorli a Montaione, Arboreto di Pistoia), restauri (come quello della Gerusalemme di San Vivaldo), monumenti a seguito di concorsi nazionali vinti (Certaldo, Montaione, Calenzano).

Oltre a numerosi articoli, saggi e testi teatrali, ha pubblicato libri su tematiche letterarie (il “Quaderno” di Dino Campana), artistiche (“Il mio Pontormo”), musicali (“Si riapra il sipario!” su L’Arlecchino di Ferruccio Busoni).
Ha compiuto ricerche sulla cultura popolare del territorio empolese e di quello di Marradi e su alcuni personaggi empolesi più rappresentativi: lo scultore Dario Manetti, i musicisti Fanfulla Lari e Alfonso Dami ed ora lo scrittore Renato Fucini.

La sesta lettura della Biblioteca Sonora è dedicata ad Aldemaro Toni

La sesta lettura della Biblioteca Sonora è dedicata ad Aldemaro Toni

Andrea Giuntini legge “Il ritorno” di Aldemaro Toni, e ci spostiamo a Fucecchio per il nuovo episodio dedicato agli autori locali.

Aldemaro Toni è nato e vive a Fucecchio; è direttore della rivista Erba d’ Arno. Laureatosi in Lettere, ha fatto studi sul poligrafo veneziano Ludovico Dolce; ha pubblicato nel 1991 il libro “La canonica”, “La Borghi”, 2001, “Una guerra lontana”, 2009, “Doddy”, 2010, “Al Sara Hotel”, 2018.

Suoi scritti si trovano anche nell’Antologia degli scrittori fucecchiesi, 1990, e in altre riviste di cultura.

Ascoltiamo Tamara Morelli e i suoi ricordi sull’Arno

Ascoltiamo Tamara Morelli e i suoi ricordi sull’Arno

Foto di copertina: Gianni Nucci

Continuiamo il nostro percorso insieme alla voce di Andrea Giuntini, attraverso la narrativa locale, alla scoperta dei nostri luoghi.

Tamara Morelli è laureata in filosofia; ha insegnato nelle scuole del Comune di Vinci per molti anni. La sua passione per la scrittura risale all’adolescenza, ma è scaturita in maniera più consapevole durante i primi Anni Duemila, quando iniziò a scrivere racconti fantastici per gli alunni della scuola primaria. Ha maturato pian piano uno stile personale che l’ha indirizzata verso una narrativa ora a carattere fiabesco, ora a carattere intimistico-psicologico. In anni più recenti si è affacciata a esperienze narrative a carattere biografico e alla saggistica. Nel 2017 è risultata vincitrice del Concorso Letterario ‘Domenico Rea’, sezione narrativa.  Ha pubblicato la raccolta di fiabe “Prunalba e il mistero del castello dorato” e nel 2019 “Una mimosa per dire… donna. Breve saggio sulla donna nel tempo”, editi dalla Ibiskos Ulivieri. Scrive anche per il mensile Orizzonti dal 2016.

Quarta lettura della Biblioteca Sonora: Marco Cipollini

Quarta lettura della Biblioteca Sonora: Marco Cipollini

Andrea Giuntini ci propone “Der Wein”, un brano di Marco Cipollini, nella quarta lettura dedicata alla nostra Biblioteca Sonora.

Marco Cipollini, classe 1946, fucecchiese di nascita, cresciuto in quel di San Miniato, risiede a Empoli ormai da anni, dove ha svolto la professione di insegnante. È tra i fondatori e redattori della storica rivista Erba d’Arno, redattore di Il segno di Empoli, nonché collaboratore di molte altre riviste dove pubblica poesie, racconti e interventi critici.

Il suo esordio risale al 1981 con Vallecchi e la raccolta di versi “Rose d’Eros”. È autore anche di un’opera che ha tutti gli ingredienti per essere definita, come lo è stata, un caso letterario, il poema “Sirene”, Edizioni Ets (2004) in 5 libri, ogni libro di 12 canti, ogni canto di 240 esametri, nel quale l’autore riconosce l’opera più completa della sua poiesis.Numerose le sue pubblicazioni, in poesia e prosa: “Emblemi” (1990) “La Passione” (1991)”. “Carmi profani”(1993) “ L’amante fantasma” (1996); “Grandi carmi” (tre poemi, elaborati lungo cinque lustri: Labirinto, La Passione, Sabbas (1998); “L’origine” (2002); “Trittico” (2005); “Kore” (2006); il libello “Trattatello rivoltoso de l’uomo di Fucecchio ossia Marco Cipollini poeta esule all’età sua” (2007); “Ritorno a Volterra” (2007); “Essere” (2013); “Carmi ulteriori” (2013); i romanzi “L’immortale”, “Rinascite” e “Uno sguardo nel buio”; i libri di racconti “Racconti epifanici” e “Racconti fino alla fine del mondo”; “Le stagioni in Toscana”, “Gli scritti speculari”, “La maschera di Carne”, “Carmi erotici” (2014); “Minime e massime”, “L’invitto”, “Carmi neometrici”, “Imitazioni” (2015); “Repertori”, “Santuario”, “Il tempo” (2016); “Amore e morte” (2018). Ha tradotto di Jean-Pierre Cascarino la raccolta di poesie Suite toscane (2005) e di François Cheng “Cantos toscans” (2015).

Marco Cipollini è un amico dell’Associazione Vinci nel Cuore, già in tempi in cui ancora non si chiamava in questo modo. Nel 2011 nell’ambito del ciclo “Poesia & Musica” organizzato da Vincincontri ha presentato presso la Biblioteca Leonardiana i suoi “Inni Trinitari” per le edizioni Feeria di S.Leolino ed è stato tra i relatori della cerimonia commemorativa per i Quattrocento anni dell’Oratorio della SS. Annunziata di Vinci (12.05.2012). Nell’ambito della Festa della Poesia di Vinci, nel 2019, ha presentato il saggio “Il segreto dell’Angelo” nel corso di una serata sul tema “Dalla pittura alla poesia, il linguaggio delle pieghe e delle note: quali enigmi si nascondono nelle opere di Leonardo?” , intervento che poi è stato pubblicato nel volumetto “Pieghe. I Quadri parlanti di Leonardo” (2019).

Qui lo riproponiamo attraverso la voce di Andrea Giuntini, che ci guida nella quarta lettura della nostra Biblioteca Sonora.

Potete trovare tutto quel riguarda Marco Cipollini sul suo sito ufficiale.