fbpx

Quattro incontri per celebrare due dei personaggi più influenti della storia europea tramite un omaggio alla Francia direttamente da Vinci e San Miniato

“Da Vinci e Bonaparte. Le origini toscane del pensiero europeo” è il nome del festival che partirà domenica 2 maggio e andrà avanti, tutte le sere on line, fino al 5 maggio.
In occasione dell’anniversario della morte del Genio (2 maggio – quest’anno è il 502°) e dei 200 anni dalla scomparsa del generale francese (5 maggio 1821), il Club per l’UNESCO di Vinci, l’associazione Vinci nel Cuore e l’associazione Suonamidite Onlus hanno organizzato questo festival italo-francese che si pone come obiettivo quello di omaggiare due dei personaggi maggiormente influenti della storia del nostro continente, accomunati dalle origini toscane delle rispettive famiglie e dal loro amore per la Gioconda.

Il programma – tutto on line sui profili Facebook delle associazioni promotrici, ogni sera alle 21 – vedrà una serie di iniziative e di eventi che esplorano vari settori della cultura, delle scienze e della musica.
Si comincia domenica 2 maggio: Suonamidite curerà un racconto appassionato e coinvolgente della vita di Leonardo, ispirato a testi storici come l’atto di battesimo e le “Vite” di Giorgio Vasari, attraverso narrazione e musica a cura di e con Davide Bardi, attore, e Mario Costanzi, musicista. “Leonardo: l’occhio tra la nebbia e il sole” – questo il titolo – sarà in parte tradotto in francese.
Lunedì 3 maggio sarà ospite del festival Franco Cardini, saggista medievista, che parlerà di “Notre Dame. Il cuore di luce dell’Europa”, edito da Solferino (2020), in una intervista a cura di Vinci nel Cuore.
Martedì 4 maggio, Sara Taglialagamba, direttrice della Nuova Fondazione ‘Rossana e Carlo Pedretti’ converserà di “Leonardo in terra di Francia” con Sabine Frommel, direttrice dell’Études d’Histoire de la Reinassance e dell’Équipe Histara all’École Pratique des Hautes Études alla Sorbona di Parigi.
Chiude il festival “Napoleone e Leonardo: due personaggi a confronto con le loro origini toscane”, mercoledì 5 maggio, a duecento anni dalla morte di Napoleone, trasmesso dall’Accademia degli Euteleti di San Miniato, per la rievocazione del legame tra due dei maggiori personaggi e interpreti della storia europea. Nell’occasione saranno presenti il presidente dell’Accademia, Saverio Mecca, il critico d’arte e leonardista Alessandro Vezzosi, il coordinatore per l’Italia dell’Associazione Souvenir Napoléonien, Alessandro Guadagni.

Questo è il programma ufficiale, ma sono preannunciati eventi straordinari durante i quattro giorni speciali che dividono i due anniversari, leonardiano e napoleonico.
Il nuovo festival intende promuovere e valorizzare i rapporti tra due nazioni, due popoli e le città italiane e francesi legate proprio al ricordo dei due illustri personaggi.
Il festival è realizzato con il patrocinio dei comuni di Vinci e di San Miniato, il contributo di Fondazione San Miniato Promozione e dell’Accademia degli Euteleti e il sostegno della Fondazione Cassa di Risparmio di San Miniato.

"Da Vinci e Bonaparte", on line il festival italo-francese
Condividi