Seleziona una pagina

Sabato 11 giugno 2022 alle 17.30, nella nuova cornice del giardino del Centro Espositivo Leo Lev di Vinci (Piazza Pedretti 1 – ingresso libero) sarà presentato il volume curato dalle ricercatrici Rossana Ragionieri e Sandra Ristori, “San Pantaleo, verde antico”, con la prefazione di Mons. Andrea Migliavacca, vescovo di San Miniato.

L’evento rientra nella seconda edizione della manifestazione “San Pantaleo sulla Via Romea Strata”, organizzata dall’Associazione Vinci nel Cuore, Comitato Fai Noi per San Pantaleo con ospiti altre associazioni, tra cui la Pro Loco di Vinci e l’Associazione Intrecci Onlus di Larciano, che ha realizzato il “Nodo di San Pantaleo” (ispirato a quello scolpito sulla chiesa di San Pantaleone Martire), interamente con erbe palustri, nello stile antico delle donne di San Pantaleo e del Padule, che da ora in avanti diventerà l’omaggio per i pellegrini che avranno modo di visitare San Pantaleo.

La mattina di venerdì 10 giugno, infatti, passerà da Vinci il pellegrinaggio nazionale (27ª tappa) della Via Romea Strata (San Baronto-Fucecchio). La presentazione del libro scritto da Ragionieri e Ristori rappresenta quindi un approfondimento su quanto avranno ammirato i pellegrini, senza considerare le tante storie e gli aneddoti legati al territorio di cui il volume è ricco.

L’evento rientra nel calendario degli eventi estivi del nuovo Centro Espositivo Leo Lev, diretto dalla dott. Alina Skobà, che lo scorso venerdì ha ospitato la Conferenza Internazionale “La Gioconda svelata dalla scienza” a cura dell’ing. Pascal Cotte e del ricercatore Sylvain Thiuermel, alla presenza del Presidente della Regione Toscana Eugenio Giani, nel corso della quale sono state presentate anche le ultime scoperte sul rapporto tra Leonardo e Vinci e presentato il “nodo di San Pantaleo, simile a quello che poi Leonardo ha ripreso per la Gioconda, elemento decorativo della tradizione e cultura locale. Nel maggio scorso è peraltro andato in onda un reportage giornalistico sul primo canale della TF1 France nel quale sono state anticipate dai due ricercatori francesi le nuove scoperte che hanno riguardato anche l’infanzia di Leonardo e la madre Caterina nei loro anni a San Pantaleo.
Durante la presentazione del libro, si parlerà anche di questo con le due studiose empolesi e con i loro ospiti.