Il Vinciarese

Leonardo da Vinci… l’uomo

Chi era Leonardo ce lo racconta Sara Prossomariti, storica, guida turistica, scrittrice. Il profilo inusuale di un uomo che voleva conoscere.

Maggio, le Madonne dei campi e le rogazioni

Un suggerimento per ricercare nuovi tipi di percorsi, adesso che possiamo di nuovo uscire, per andare alla scoperta di “pezzi” di storia del territorio.

Leonardo e il fascino del convivio

“La scoperta d’un nuovo piatto è più rilevante per l’umanità che la scoperta d’una nuova stella”, parola di Leonardo, nell’articolo di Tamara Morelli.

Ad Amboise, gemellata con Vinci

Brevissimo excursus sulla cittadina che accolse per sempre i resti di Leonardo, gemellata con Vinci e centro leonardiano della Loira.

Uno sguardo da dentro

Accogliamo un breve brano di Adua Biagioli Spadi su questo periodo che stiamo affrontando nell’insicurezza e nella richiesta intima di speranza futura.

Dal “Maggio delle donne” a quello dei lavoratori, tradizione del Montalbano

Primo Maggio fra poesia e tradizioni locali. La figura delle “maggiaiole” e l’apporto fondamentale di Idalberto Targioni con la sua poesia.

Il vecchio mondo

Un altro racconto di Tamara Morelli, dove un mondo migliore è possibile grazie all’apporto (e al supporto) dei bambini e delle loro qualità.

Mantenersi in attività anche da casa, parola dell’esperta

L’articolo di Licia Scardigli, fisioterapista vinciana e presidente dell’associazione Bunny Club, che da molti anni tiene in attività bambini e adulti.

Quando ancora i bambini nascevano a Vinci

Nel Giorno di Leonardo, un vecchio articolo – bellissimo – di Ilaria Morelli su quando ancora i bambini nascevano a Vinci, come Il Genio.

Giovedì Santo è anche pan di ramerino

Fra le tante specialità gastronomiche c’è anche quella puntuale che viene sfornata nel giorno dei Sepolcri. Scopriamo le origini del pan di ramerino.

Condividi